NON SI EFFETTUANO VENDITE ONLINE

Flower fairies

Cicely Mary Barker è una disegnatrice vissuta in Inghilterra a fine ottocento: è una delle prime ad aver disegnato fate e ad aver dato vita alla collezione ufficiale “Flower Fairies” (le fate dei fiori), il cui nome verrà in seguito copiato in mille modi. Per diversi decenni sono esistiti libri e pubblicazioni varie ricchi dei suoi disegni. Solo di recente è arrivata la collezione di resine ufficiale. Le sue collezioni sono prodotte in resina ceramizzata e sono dipinte a mano. Possiedono un discreto valore collezionistico, vista la fama di cui godono in tutto il mondo, anche se il loro stile resta molto classico.

Le dimensioni variano dai 7 agli 11 centimetri e tutte hanno un piedistallo con il nome del fiore, pianta o albero che rappresentano. Di seguito i modelli disponibili, con accanto il disegno originale di riferimento. (disegni e poesie di Cicely Mary Barker ©)

 

Canzone della Fata Prugnola – Sloe

Quando il fiore del Prugnolo appare,
dona alla siepe una luce stellare e
nella Primavera dal vento mossa, lui
prometteva una Prugnola rossa.
Ora che dell’Autunno è giunta l’ora
Guarda il Prugnolo che dà la prugnola!
Ma senti quanto son aspre le prugne,
fin quando il manto d’inverno giunge!

 

Canzone della Fata Belladonna – Nighshade Berry

“Vedete le mie bacche luminose,
rubino, verdi, gialle e arancione?
Non ne siete, fatine un po’ vogliose?
Ma la risposta delle fate è: “No
Grande furbacchione!”
“Assaggiatele è gratis! Voi credete
che le mie bacche siano velenose?
Beh andatevene pure se volete:
ai bimbi sembreranno favolose!”
Ma gridano le fate: “No bambini
Non assaggiate quei frutti assassini!”

 

Canzone della Fata della Ghianda – Acorn

Per gli Inglesi, La Quercia possente,
tra le piante è l’eccellente: il suo
legno è forte e buono come i
cuori inglesi sono.
Se volete, io vi rivelo come
crescono nel cielo: solo questo
dovete fare una ghianda sotterrare:
perché così, io ve lo dico
sono nate le Querce in antico.

 

Canzone della Fata Platano

No, dentro il bosco non lo troverete e
nemmeno nei campi, nei parchi di città
voi lo vedrete il bel Platano grande.
Alzate gli occhi su dal marciapiede
e guardate là in alto, fra i rami, sì,
lassù dove si vede pendere quelle palle!
Con quelle il grande Platano si orna
quando perde le foglie, fin quando la
Primavera non ritorna con le sue
Meraviglie!

 

 

Canzone della Fata delle Tagete – Marygold

Gran sole che splendi nel
cielo, gloriosoe dorato lassù,
dell’oro ho anch’io sullo stelo:
però il tuo brilla di più.
io spargo intorno i miei semi
e dove cadono al suolo, moltissimi
altri Tageti staranno al sole.
Perché io ti amo talmente che,
quando tramonti io mi volto
cercando la luce splendente.
Oh mostrami, Sole Il tuo volto!

 

Canzone della Fata Fiordaliso – Cornflower

Tra i Papaveri rossi e il dorato
Frumento nei grandi campi nacquero
i Fiordalisi un giorno: ma se mi
guardo accanto io, ora cosa vedo?
Le Rose e i Gigli, ecco chi mi sta
tutto’intorno! E c’è un prato
bellissimo e margini e letti,
da cui i fiori levano le teste
delicate, perché è un giardino e io
blu piccoletto, ci vivo contentissimo
passandoci l’Estate. E il mio blu è
il blu che ho sempre indossato,
e Papaveri e Grano non ho dimenticato.

 

Canzone della Fata Fior di Mandorlo – Almond Blossom

L’inverno è alla fine e dico evviva!
Prestissimo verrà la primavera
E io, prima di lei, faccio una viva
danza, rosata come l’alba in cielo!
Altre belle creature poi verranno
la Rondine, il Tordo e il Canarino,
e i germogli si dischiuderanno e
Mandorlo per primo!

 

Canzone della Fata Trifoglio Rosso – Red Clover

La Fata: Oh, che grossa ape è venuta
qui da me e mi saluta!
E’ venuta per il miele.
Oh, che grossa ape è venuta!
L’Ape: Che Trifoglio grande e grosso!
Io gli cercherò addosso,
e il suo miele troverò!
Che Trifoglio grande e grosso!

Mughetto – “L” come Lily of the Valley

Fate, smettete le vostre canzoni
e le mie bianche campane ascoltate:
voi li sentite, quei suoni lontani?
E quel che dicono, voi lo sapete?
Sono campane di neve che spuntano
dai loro gambi e dolci suonano:
parlano forse di quel paese dove
ogni cosa è bella e cortese?
Creature belle per questa ” L”!
Come il Lillà e la Lavanda e ancora
Più dolce di quelle son le
bianchissime Campanelle.

 

Violacciocca – “W” come Wallflower

Violacciocca, Violacciocca, là
sul muro,chi lo piantò, il tuo
seme? “Io ti giuro nessuno lo
piantò: lo soffiò il vento nelle
fessure, dove sto contento.
Sui muri dei giardini o dei castelli
fra i verdi muschi vecchi io mi
trovo: e guardo il tempo fare
cambiamenti: passa il tempo, ma i
non mi muovo.”Violacciocca –
“W” come Wallflower Violacciocca,
Violacciocca, là sul muro, chi lo
piantò, il tuo seme? “Io ti giuro
nessuno lo piantò: lo soffiò
il vento nelle fessure, dove sto
contento. Sui muri dei giardini o
dei castelli fra i verdi muschi
vecchi io mi trovo: e guardo il
tempo fare cambiamenti:
passa il tempo, ma io non mi muovo.”

 

Canzone della Fata dente di Leone – Dandelion

“Guardate le mie foglie dentellate,
soffiate le lancette del soffione
guardate, fra le siepi, le mie ondate,
guardate il prato, guardate il
sentiero, guardatemi in giardino,
allegro e fiero! raccoglietemi
pure: io cresco ancora,
senza chieder permesso né
scusarmi,che fate con le vostre
zappe, allora? Non riuscirete mai
ad estirparmi! Nessuno mi può fare
impressione, perché io sono il
Dente di Leone!

 

Canzone della Fata Trifoglio Bianco – White Clover

Sono il Trifoglio Bianco, piccolino:
alle mie foglie verde-smeraldino,
volano attorno le api affamate
che dal mio dolce miele son chiamate.
Piccole api, siete benvenute
Brindate col mio miele:
“Alla salute!”

 

Canzone della Fata Pervinca

In posti ombrosi e cespuglios,
quando l’anno è bambino, io
sollevo il volto dei miei fiori:
venite qui vicino!
I miei gambi sono fini e mossi
e le foglie splendenti sopra
la nuda terra marrone,
sempreverdi lucenti. Nono sono
molto nota, sì, lo so: ma il Blu
Pervinca è molto amato no?

 

Canzone della Fata Sambuco – Elder

Quando si sono fatti lunghi i
giorni, quando il sole ha più
forza e più calore splendendo alto
nel suo mezzogiorno, quando ogni
Sambuco è nel suo fiore, quando,
nell’ombra fresca dei ruscelli
o dei sentieri in tutta la
giornata, si trovano dei posti
quieti e belli, è allora che
l’Estate è ritornata!

 

Canzone della Fata Tasso

Qui sullo scuro Tasso maestoso
c’è una gran meravigllia, dove
le bacche nel verde gioioso,
fanno rosea famiglia. Sul ramo
siedo e sto, pensosamente giovane
eppure antico: cento o duecento
anni, non son niente per un Tasso,
io dico. Penso e ricordo di quel
tempo antico e vedo nel passato,
tanti arceri di fronte
al nemico, con l’arco ben curvato.

 

Fior di Melo – A Come “Apple Blossom”

Noi vi vediamo, cuccioli di fiore
bianchi e rosati, protetti dalle
fate con amore da funghi e gelo,
finché nel vento, con un gran
fervore, andrete in volo.
Andrete: ma se noi aspetteremo
pazientemente mele mature e
grosse troveremo, molto abbondanti:
dai cuccioli di fiore noi avremo
un grande dono!

Canzone della Fata Brionia

Lucente, molto bella per la festa
autunnale, appenderò una snella
ghirlanda in Brionia a lode e gloria
della dolce settembrina.
(Questa Brionia non ha niente di
nero, ma si dice che abbia una radice
nera: potrebbe essere vero, ma dovresti
scavare in terra per scoprirlo. Un
tempo su pensava che fosse una cura
per le lentiggini.)